Al via gli Help Desk sui progetti


Criscia    29 novembre, 2012
Cat: Help Desk, Kublai

La community di Kublai cresce insieme ai suoi nuovi progetti, e siamo felici di avere con noi in questo percorso nuovi membri motivati e attivi.

Kublai è e rimane uno spazio e un luogo che racconta dei suoi progetti  insieme a tutti i membri con discussioni, consigli, scambio di opinioni e indirizzi utili. Ma per chi si è affacciato da poco nel ning, per chi ancora non è riuscito a risolvere dei nodi fondamentali nel percorso del suo progetto, è utile sapere che gli Help Desk sono ripartiti. E siamo pronti con voi, in prima persona, a lavorare sui documenti.
I “vecchi” kublaiani ne sanno qualcosa… ma ci sono delle novità, ché i tempi cambiano ed è giusto provare a innovarsi mantenendo saldi i punti di forza e di condivisione delle energie :)
Gli Help Desk, quindi, non vengono più fatti in Second Life come è sempre stato, ma vengono e verranno fatti con un programma che permette di comunicare comunque con le nostre voci, i nostri visi (qualora volessimo!) e condividere lo schermo del computer per lavorare insieme. Si tratta di programmi utili per videoconferenze con più persone. Per ora ci stiamo trovando bene con GotoMeeting e lo stiamo testando.

I “nuovi” kublaiani si domanderanno: ma cosa sono gli Help Desk?

si tratta di un momento di presentazione/conoscenza sia vostra che di approfondimento del vostro progetto a noi dello staff. Si possono fare quando volete, basta contattare me e ci si mette d’accordo. Sono molto utili sia perché ci permettono di parlare insieme, finalmente a voce, sia perché permettono di lavorare su dubbi o nodi da sciogliere sul progetto in modo diretto.
Possono essere richiesti dal progettista se pensa di aver bisogno di un confronto, ma anche da noi dello staff se pensiamo sia giunto il momento.
Un incontro virtuale, quindi, in cui ci si trova per parlare insieme e risolvere in poco tempo dei dubbi e che può dare nuovi stimoli difficilmente trasmettibili solo tramite forum.

Ah, per ultima cosa ma non meno importante… fino ad adesso non abbiamo testato la novità solo tra di noi dello staff, ma abbiam già invitato qualche kublaiano tra i nuovi progettisti in questa avventura. Ed è così che sono già finiti nella rete degli Help Desk sia Marco del progetto s.m.art. AUGUSTA che Maria del progetto Valorizzazione Porta Cumana e per ultimo Maurizio insieme al collega Vito con il progetto Il Bel Paese

E insomma… qui l’attività freme! Vi aspettiamo :)

 


Votate!


Federico V.    7 settembre, 2011

Ve lo avevamo promesso. E noi manteniamo sempre le promesse.

Quest’anno, per la prima volta, anche la community di Kublai potrà votare per uno dei sei finalisti del Kublai Award 2011 e contribuire così, per il 45%, all’assegnazione del premio che sarà consegnato al Kublai Camp del prossimo 24 settembre.

Sorpresi? Disorientati ? Niente paura, votare è facilissimo. Per farlo basta essere utenti registrati della community di Kublai, effettuare il login, andare su questa pagina ed esprimere la propria preferenza scegliendo uno dei sei progetti finalisti e  cliccando “Vota”.

Attenzione perchè la scelta è irrevocabile, quindi pensateci bene prima di scegliere. Oppure agite di impulso. Oppure votate per chi pensate se lo meriti. Oppure no. Insomma, votate per chi volete, ma a noi dello staff farebbe tanto piacere se votaste per quello che, a vostro giudizio, si è più speso a favore della community.

Comunque scegliate, dal momento in cui cliccate il tasto “Vota” non potrete più cambiare idea ma ogni volta che aggiornerete la pagina dedicata al voto, potrete controllare l’evoluzione delle votazioni. Praticamente in diretta.

Ricordate infine che il 22 chiudono le votazioni, quindi avete tutto il tempo per pensarci. E se non ricordate bene i progetti, abbiamo anche preparato questa pagina per consentirvi di navigare da un progetto all’altro. Non avete più scuse.

Che altro aggiungere? Votate!


Adunata! Il consiglio tribale di Kublai


Alberto    10 novembre, 2009

Bellissima esperienza! L’Adunata dei progettisti di ieri sera è stata partecipata molto al di là delle mie aspettative, sia per numero di kublaiani presenti che per qualità del dibattito. Enrico, Stefano Consiglio, Augusto, Azzurra e Tonino, Salvo, Wladimiro, Titti, Walter “con una decina di tarantini”, il direttore artistico Asian che modificava l’auditorium in tempo reale, Pico e Federico Bo, e altri ancora. La partecipazione è stata più da conferenza che da riunione interna, con 22/23 avatar presenti. Alcuni venivano dal gruppo Facebook, che comincia a dare segni di volere diventare il quinto canale della nostra comunità (i quattro tradizionali essendo questo blog, il Ning, NeoKublai in Second Life e gli incontri in presenza).

Sembrava un po’ di essere al consiglio tribale di Kublai. E’ evidente che la cosa che abbiamo costruito viene percepita come un valore da alcune persone, e che esse la apprezzano e la capiscono abbastanza bene da contribuire alla sua riprogettazione. La comunità si autoprogetta! E’ una cosa emozionante, come vedere un fiore che si schiude. Massimo rispetto, quindi, per il Club dei Progettisti, l’unico gruppo di Kublai in cui il progetto è Kublai stessa. Ho riassunto qui le decisioni prese e quelle non prese.

Volevo pubblicare una foto, ma sembra che nessuno ne abbia fatte. Peccato… :-(


Notizie dall’impero, aprile 2009


Alberto    20 aprile, 2009

Post di miscellanea di varie cose che succedono in area Kublai. L’impero, ovviamente, è quello del nostro amato Kublai Khan calviniano. :-)

Intanto una notizia bellissima: GliAffidabili è entrato nella finale di Startup 2.0! Facciamo tutti il tifo, e speriamo che Tim (O’Reilly) e Craig (Newmark) restino impressionati quanto noi dal progetto e lo facciano vincere.

L’incontro della settimana scorsa con Pete Tidemann sul fundraising dei progetti creativi è stato davvero superinteressante, e infatti ha avuto riscontri eccezionalmente positivi. Qui e qui trovate articoli apparsi in rete che lo riguardano; altre cose sono apparse come note su Facebook. E, a proposito di Faccialibro, abbiamo finalmente anche noi un gruppo, ottenuto riciclando il vecchio gruppo creato per il Kublai Camp. Se siete dei Faccialibristi sfegatati, o semplicemente se vi fa comodo seguirci tramite Facebook, iscrivetevi! Al momento in cui scrivo il gruppo ha un po’ più di 300 iscritti.

Il buon risultato dell’incontro con Pete è un segnale forte. E’ evidente che ha senso che Kublai faccia cultura, rivolgendosi non solo ai kublaiani, ma ai creativi italiani in generale. Questo ci incoraggia a proseguire sulla strada degli incontri su temi che possono interessare anche a persone creative che non partecipano alle nostre discussioni progettuali. A breve vi aggiorneremo sui prossimi appuntamenti che stiamo preparando.

Nel frattempo, la community cresce, cresce… la settimana scorsa abbiamo dato il benvenuto al settecentesimo kublaiano, con un aumento del 50% in meno di quattro mesi; i progetti sono saliti a 85, con un aumento di quasi il 60%. Questo ha messo un po’ in difficoltà il Welcome Group, che si è assegnato il compito di dare il benvenuto a tutti i nuovi iscritti. Anzi, se qualche kublaiano avesse voglia di dare una mano si iscriva e si metta a rapporto da capitan Walter.


Nasce il welcome group


Alberto    25 febbraio, 2009
Cat: Kublai

Il flusso di nuovi iscritti a Kublai continua, e il traguardo dei 600 utenti registrati ormai è abbastanza vicino. Ci sembra che la community contenga voglia di fare e energia sociale che potrebbero essere valorizzate di più. Così Walter non solo ha proposto la costituzione del Kublai Welcome Group, ma si è anche offerto di coordinarlo. Bravo!

Il KWG è espressione della community e non del gruppo di progetto di Kublai. Il suo compito è quello di accogliere e orientare i nuovi membri, in modo da aiutarli a trovare facilmente le persone e i progetti che potrebbero loro interessare. Credo che possa anche dare il segno di uno spazio comune, abitato da persone che a questo spazio tengono. Tutti quelli che hanno tempo e voglia di spendere un po’ di energie per migliorare l’esperienza di Kublai da parte dei kublaiani meno esperti sono benvenuti nel KWG.