Annunciazione! Annunciazione! Kublai Award. Scadenza prorogata al 15 ottobre


Paola    30 settembre, 2013

logo_Kublai-Award_esecE’ prorogata al 15 ottobre la scadenza, inizialmente prevista al 30 settembre,  per iscriversi alla piattaforma di Kublai e avere il prerequisito indispensabile per poter partecipare al Kublai Award di Novembre.

Questa scadenza vale dunque per quanti non conoscono ancora il progetto Kublai, nè la sua community, ed è a loro che vale la pena raccontare meglio cosa è Kublai e quale sia il senso dell’Award.

Kublai è un progetto promosso da anni dal Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica, nato con l’ambizione di supportare quanti hanno un’idea di progetto e di impresa ma sono alle prime armi, spesso poco sanno di start up e business plan, hanno poca dimestichezza con piani economici e analisi di mercato. Su Kublai le buone idee possono diventare progetti e poi magari imprese grazie al supporto di coach ed esperti del DPS ma sopratutto di una community di altri progettisti che si supporta in un interscambio di idee, proposte, suggestioni.

Insomma chi si iscrive su Kublai lo fa per provare a far crescere il proprio progetto insieme a quello di tanti altri.

In questo senso Kublai Award è  un premio “atipico”,  un premio che  non ha niente a che vedere con le tante business competition che esistono in giro. Kublai Award   è fondamentalmente  un riconoscimento al miglior progetto “kublaiano”: un progetto partecipativo e  capace di essere in relazione  con altri progetti.

In finale all’Award, evento previsto a fine Novembre, andranno quei progetti che non solo si saranno iscritti al premio  con una procedura di registrazione da effettuarsi dal 15 ottobre al 15 novembre ma che sopratutto saranno stati attivi  sulla community. Poi, certo, lo staff di Kublai, per selezionare i 10 progetti finalisti valuterà anche la bontà e la sostenibilità dell’idea, ma il criterio principe di selezione  resta   lo spirito partecipativo del progettista. Per farvi un’idea le precedenti edizioni di Kublai Award se la sono aggiudicata progetti  come Aerialclick,  Critical City,   Film Voices e  Found For Culture.

Il vincitore del Kublai Award si aggiudicherà un  assegno da 5000 euro destinato a finanziare attività utili al progetto.

Il bando e la documentazione relativa al Kublai Award sono disponibili nella sezione bandi e concorsi del sito DPS.


Kublai Award non lascia. Anzi, raddoppia


Paola    24 aprile, 2013

Le informazioni, quelle ufficiali con tanto di scadenze, moduli e “scartoffie” per partecipare ve le daremo nei prossimi giorni.  Intanto però visto che la voce già gira e che lo abbiamo  mezzo annunciato negli ultimi Kublai in campo lo vogliamo dire anche qui: anche quest’anno Kublai avrà il suo Award, anzi siccome ci va di esagerare ne faremo due! Uno in primavera- estate  e l’altro in autunno-inverno.

Il Kublai Award per chi non lo sapesse – e già marca male ;) – è il premio che assegnamo al miglior progetto iscritto alla nostra community, ma anche un momento collettivo di festa, conoscenza, socializzazione per tutti i progettisti invitati a partecipare alla disfida  e i finalisti (a colpi di pitch).

Le precedenti tre edizioni dell’Award se le sono aggiudicate: i ragazzi di Critical City, di Film Voices e di Found For Culture.

Come vi dicevo, a breve vi daremo tutte le informazioni ufficiali, intanto appuntatevi queste cosine qua:

- Per partecipare dovete essere iscritti alla community di kublai (ovvio) ma anche aver un progettino un po’ sostanzioso (in grado di diventare un business plan insomma).
- Il premio?  Bhè  si, ci sarà un premio.

Stay tuned.


Kublai award 2011: un premio all’impresa contributiva perché alla fine vincano tutti


Nicola    10 maggio, 2011

Ci siamo resi conto di un aspetto peculiare di Kublai e vogliamo condividerlo con tutti. In generale i progetti che riscuotono successo ricevendo tanti feedback, contributi, idee e aiuto, sono quelli che si possono definire innovazioni sociali, cioè in grado di creare valore per chi li propone e per la collettività.

La fantastica comunità di Kublai riconosce questo valore collettivo e lo premia con la partecipazione. Si potrebbe per fino dire che la condivisione di idee crea naturalmente innovazione sociale.

È un fenomeno interessante: le politiche pubbliche di sviluppo riescono a premiare, quando va bene, le idee migliori tecnicamente, ma non hanno sistemi di valutazione sostenibili in grado di filtrare e premiare le innovazioni sociali.

Quando invece arriva una risposta collettiva positiva, si potrebbe affermare che siamo di fronte ad un sistema di valutazione oggettivo. Cioè la numerosità dei riscontri, produce una selezione naturale: vengono messe in evidenza le idee con maggiore impatto collettivo senza demonizzare l’aspetto imprenditoriale e il guadagno di chi rischia.

Anzi.

A me, che seguo il mondo della solidarietà sociale da tanti anni, appare come un cambiamento culturale importante soprattutto perché mette alla luce un potenziale modello di sviluppo alternativo.

Potremmo chiamarla “impresa contributiva” quella che genera innovazione sociale, per la quale il contributo alla società, in termini di valore creato, è insito nella sua stessa missione.

Qualcuno ritiene che la creazione di valore, il vero gesto creativo, debba rispettare il segno positivo per il Bene, la Bellezza e il Guadagno. Quando le tre condizioni vengono rispettate, allora di può veramente parlare di creazione di valore, altrimenti l’atto creativo produce valore da una parte e ne toglie dall’altra con un risultato non sempre positivo. (cfr. T. Makiguchi)

Se abbandoniamo il piano teorico, per andare su quello pratico, Kublai ci regala diversi esempi di progetti che incarnano questi principi: Critical City, Film Voices, Pazienti.org, Fund for Culture, I-KIWI, Angeli per Viaggiatori Reti glocali, il Peeripato, solo per citarne alcuni dei più famosi.

Ecco perché il Kublai Award 2011 è dedicato alla partecipazione e alla collaborazione, per far si che alla fine siano tutti vincitori.

 

Se qualcuno volesse approfondire, una base più filosofica la si legge qui

 


Progetti della settimana


Federico V.    11 ottobre, 2010

Settembre è svanito prima ancora che ce ne rendessimo conto e le vacanze estive stanno diventando un ricordo, anche perché in questo periodo tutte le attività si sono focalizzate sull’adunata dei progettisti tenutasi a fine settembre.

Per chi non c’era, vi assicuro che è stata davvero una bella serata di opinioni, di scambi di idee, di proposte e di visioni, segno della vitalità della community di Kublai.

Community, va detto, che aumenta costantemente nei numeri: abbiamo ormai abbondantemente superato le 2.100 anime senza che l’afflusso diminuisca.

Coerentemente, tanti sono stati i progetti inseriti su Kublai, e altrettanto numerose le discussioni che hanno animato questo periodo post-vacanziero.

Nuovi progetti

Diamo il benvenuto ai progetti iscritti nei mesi di settembre e ottobre:

PromoSalus: Con questo progetto Paolo Giuliani vuole diffondere la cultura della salute e del benessere fisico, psichico e spirituale e dei corretti stili di vita nella popolazione di tutte le età e nel contesto aziendale. Obiettivo coraggioso, i migliori auguri.

Personalmente penso che qualsiasi iniziativa abbia come oggetto i libri sia meritevole di grandissima attenzione. Per questo subito vi segnalo Se una notte: L’idea è quella di realizzare una festa a Milano sulla natura del leggere e sul talento dei lettori. Montserrat Fernandez Blanco ci ha promesso maggiori dettagli, ma già così la trovo una proposta molto allettante, non trovate?

Eco Card: Come spingere i consumatori verso pratiche sostenibili usando una strategia di fidelizzazione? Andrea Danielli presenta una sua idea basata sulla raccolta di punti inversamente proporzionali alle emissioni di CO2 dei prodotti di largo consumo. Alla fine premi per i consumatori più coscienziosi, attenti alle proposte delle marche più responsabili.

Stili di vita alternativi rispetto al consumismo più esagerato. Se siete interessati e siete piemontesi, seguite le proposte de il calendario dell’altra Torino. Giuliana Cupi con la sua proposta desidera evitare che più appuntamenti interessanti si sovrappongono nelle stesse serate. Con questo calendario sarà possibile condividere le informazioni e coordinarsi.

E se il “sociale” è il vostro pane quotidiano niente di meglio che seguire la realizzazione dello Sportello Sociale del Cittadino. Alessandro Ronchin vuole infatti allestire uno Sportello con il preciso scopo di fornire servizi ad alto valore aggiunto e a basso costo, associando Federazioni, Associazioni di Categoria, Fornitori di beni e servizi.

Voce del Verbo Essere: La rete di cooperazione psicopolitica intende realizzare il progetto della Residenza Psichiatrica ‘Masseria Psiche d’Elica’, ideata sul modello spagnolo, ragionata nella Puglia ed integrata ad avanguardie socio-culturali e socio artistiche europee, questo è quello che delinea Ilaria Cinieri nel riassumere il suo progetto. Attendiamo ovviamente maggiori chiarimenti sulla proposta.

E se infine siete anche interessati alla bellezza esteriore, niente di meglio che  seguire Beauty and the web. Daniele Alberti è una fucina di idea e questa è la più recente delle sue delle iniziative. Daniele vuole organizzare e realizzare il primo concorso perpetuo glocal di bellezza dedicato a tutti gli uomini e alle donne che si sentono belli/e.

Progetti della settimana:

CriticalCity Upload. Upload è Critical City, Critical City è Upload. Non disorientatevi, meno che mai leggendo le ultimissime notizie sul geogioco di Augusto e soci, nato su Kublai e in procinto di prendere il volo.

Augusto e i suoi a dire il vero l’hanno già preso il volo, e per gli Usa. È andata così: dopo aver ottenuto da Fondazione Cariplo i finanziamenti per il 70% del primo anno di progetto hanno deciso di partire con la nuova versione di CriticalCity e sono stati negli Usa proprio a negoziare la realizzazione di una nuovissima piattaforma moderna e scalabile per Upload (ebbene è così che si chiama la nuova versione di CriticalCity)

È stato un successo, Upload diventerà presto una realtà. In bocca al lupo, ragazzi.

Orientamix. Non poteva mancare tra i progetti della settimana quello di Davide, vista la reazione interessata della community e il numero di commenti e di suggerimenti ricevuti.

Come “accompagnare” i ragazzi lungo tutto il percorso formativo (scolastico e non) individuando attitudini, passioni e talenti dei ragazzi? Orientare i giovani verso le loro inclinazioni non è compito facile, ma Davide ce la sta mettendo davvero tutta per definire un modello attuabile.

Un libro in mezzo al mare. L’ho già confessato, lo riconfesso: i progetti che riguardano i libri sono i miei preferiti e questo in particolare, essendo anche uno tra i progetti più recenti, mi affascina moltissimo.

Serena Ferrari si propone infatti di fondare una casa editrice che si assuma il compito di organizzare iniziative finalizzate a far emergere il ruolo della letteratura come strumento per la promozione dell’individuo e del territorio e per la mediazione tra locale e globale.

Oltre che per l’idea in sé Vi segnalo il livello, davvero molto alto, del confronto tra Serena e Monserrat, a sua volta progettista.

L’una a Palermo, l’altra a Torino sono la dimostrazione tangibile della forza della community e il miglior spot delle infinite possibilità che la partecipazione collaborativa consente. Questo è lo spirito di Kublai.


Kublai a “Fa’ la cosa giusta”, Milano 12-14 marzo 2010


Nicola    11 marzo, 2010

Ci siamo. Kublai si muove molto on line, non amiamo consumare gomme e carburante ne perdere tempo con gli spostamenti da una parte all’altra dell’Italia. In questo caso però, siamo stati invitati a partecipare dagli amici di Terre, in particolare Giovanni Petrini che ringrazio, ad essere presenti durante Fa’ la cosa giusta, fiera dell’economia solidale che si terrà a Fiera Milano City dal 12 al 14 marzo.

L’abbiamo anticipato sul blog qualche settimana fa, invitando i progettisti kublaiani a venire in fiera per utilizzare il nostro stand come se fosse loro, per distribuire materiale e per fare presentazioni.

In tanti hanno risposto al nostro appello e qui anticipo quelli che saranno presenti (in ordine casuale):

- Film Voices : Un progetto per la realizzazione di audiodescrizioni di film per non vedenti e ipovedenti (tra l’altro vincitore del Kublai Award 2010)

- Pazienti.org : PatientOpinion è un sito inglese dove i pazienti possono valutare le terapie ricevute; il feedback viene poi recapitato ai medici per migliorare il servizio. Vorrei esportare questa idea in Italia per contribuire a migliorare la nostra sanità (Linnea Passaler )

- Fooda Cucina Sociale : FOODA Associazione per il Food Design, è un’organizzazione di progettisti, studiosi, comunicatori, aziende e istituzioni che promuove la cultura progettuale degli Atti Alimentari assolvendola a elemento culturale, economico e ambientale

- Balla coi cinghiali : L’iniziativa, che si svolge da sette anni, si propone di diffondere la cultura musicale e artistica, promovendo la visione della cultura a 360 gradi e senza barriere fra i generi con un festival ad impatto zero

- 2LifeCast : 2lifecast è un video broadcaster cross-media di contenuti ed eventi live creati dagli utenti

- Critical City : CriticalCity è un gioco di trasformazione urbana

- PortoQui: vuole mettere a sistema il turismo nautico con le aziende agricole presenti sul territorio offrendo ai diportisti un servizio avanzatao di gestione della cambusa e valorizzando l’offerta turistica locale

- Exploring democracy : Un’indagine sulle relazioni tra lo Spazio Pubblico e la Sfera Pubblica (intesa nelle sue manifestazioni più informali), ovvero, un’analisi dei rapporti di interazione sociale con lo spazio fisico urbano

- Equalway : è una cooperativa nata nel 2008 con l’obiettivo di realizzare un framework collaborativo a favore dei GAS e dei piccoli produttori che lavorano in ambito equosolidale, biologico e a tutela dei prodotti tipici e delle biodiversità

Ci vediamo li a partire da venerdi 12 al Padiglione 1 stand Progetto Kublai SI07