KUBLAI twitter mood

Torna a tutte le discussioni
  • KUBLAI twitter mood
  • Iniziato da Nicola Salvi Avatar di Nicola

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      Ieri sera, riguardandomi la solita presentazione che portiamo in giro per Kublai, mi sono annoiato da solo e ho provato a scrivere i miei pensieri personali che mi riportano all’esperienza kublaiana.

       

      L’ho fatto con frasi brevi, una specie di twitting su Kublai

       

      Vuoi metterci anche il tuo pensiero?

       

       

       

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      Ecco la versione da scaricare al volo

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Francesca
      Francesca S.
      Membro

      La penso, ma la dice meglio Rodari:

      “Tutti gli usi della parola a tutti” ["Tutti progettano tutto"] mi sembra un buon motto, dal bel suono democratico. Non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo.

       

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Luca
      Luca Massimo Ferrabue
      Partecipante

      Ciao a tutti, e’ un po’ di tempo che non mi faccio sentire da queste parti, causa impegni.

      Nicola mi piace la tua presentazione, serve condividere ed aiuta a crescere, tutti insieme.

       

      A presto

       

      LMF

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Alberto
      Alberto
      Partecipante

      Uhm… io la trovo un po’ troppo inspirational. Se non conoscessi Kublai, guardando queste slide mi verrebbe da chiedere “Sì, va bene, ma cosa fate esattamente?” Naturalmente alla ventesima volta che presenti Kublai ti annoi, ma non stai presentando per te stesso. Stai presentando per il pubblico, che tipicamente non conosce Kublai. È il classico problema del musicista in tour: per te – che ci pensi tutto il giorno – quelle canzoni sono strasentite, per il tuo pubblico – che ci pensa un’ora al mese – sono nuove  fresche. E il destinatario è lui:_ è per lui che deve funzionare.

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      Esatto Alberto, deve funzionare per il pubblico.

       

      E stamattina ho sperimentato che funziona perché suscita reazioni emozionali piuttosto che razionali.

       

      Ed ha il grande vantaggio di poter essere arricchita dai contributi di Francesca, Luca e tutti gli altri…

       

       

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      Grazie Francesca!

       

      senza nulla togliere alla splendida espressione di Rodari, preferirei inserire nella presentazione parole tue e il tuo nome :)

       

       

       

       

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Luca
      Luca Massimo Ferrabue
      Partecipante

      E’ un momento storico dove la coesione e collaborazione sociale

      puo’ portare ad una nuova “Rinascita”, non solamente economica

      ma intellettuale e spirituale: se questa e’ un’onda da cavalcare,

      Kublai puo’ essere uno strumento, il surf per navigare sull’onda.

       

      Grazie ed a piu’ tardi

       

      LMF

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Marco
      Marco
      Membro

      Ciao Nicola.A me piace. Io non credo che le slide debbano essere autoesplicative. Normalmente uno le slide le commenta. La slide deve contentere quello che gli americani chiamano “hook”. Il luccichio. Il luccichio è l’elemento che deve supportare il commento. Dev’essere splendente ed attirare l’attenzione anche del più assonnato degli interlocutori. Serve a creare empatia e a preparare gli ascoltatori al succo del discorso. Se posso, solo un contributo. Bisognerebbe esplicitare meglio nelle slide il bilancio del valore. Come la comunità contribuisce alla crescita dei membri e come i membri contribuiscono alla crescita della comunità. Che, secondo me, non si esaurisce nel coaching reciproco, anzi, è ben più tangibile su molti altri fronti.

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      grazie Marco, utile anche quello che hai sottolineato… ma tu come lo scriveresti?

       

      Questa presentazione è pensata per essere naturalmente accompagnata da un commento, ma soprattutto vuole essere una raccolta delle visioni di kublai da parte di chi lo vive da progettista.

       

      Io ho iniziato semplicemente buttando nero su bianco i pensieri che sintetizzano la mia esperienza e non credo proprio di aver finito :-)

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Francesca
      Francesca S.
      Membro

      rispettiamo l’altro al punto di negargli qualsiasi edulcorazione della realtà [lo so, troppo]

       

      progettisti che si gettano nella mischia [auguri!]

       

      lo vedi che solo rodari è perfetto? non puoi usarla e firmarla col mio nome? mi prendo io la responsabilità!!;)

       

      >>> continuo a pensarci

       

       

       

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Francesca
      Francesca S.
      Membro

      Ciao, quali fronti?

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Alberto
      Alberto
      Partecipante

      Allora va benissimo!

      D’altra parte, se chiedi pareri ti arriveranno pareri. Se invece vuoi consensi, chiedi consensi!

      Scherzi a parte, la cosa che ti ho scritto mi deriva dall’esperienza di questi anni nel presentare Kublai — in un contesto di sovraffollamento di reti, aggregatori, piattaforme, incubatori, contest e via facilitando che, soprattutto negli ultimi due anni, si contendono l’attenzione dei creativi.

      Poi è chiaro che ognuno ha il suo stile. Io sono abbastanza razionale; magari a te viene meglio il coinvolgimento emotivo.

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      Una presentazione non esclude l’altra, semplicemente “toccano” un pubblico diverso, a mio avviso

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Marco
      Marco
      Membro

      Io la scriverei così:

      Kublai Knowledge, Business, Social

      [...continua nella risposta a Francesca]

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Marco
      Marco
      Membro

      Ciao Francesca. I fronti sui quali dovrebbe essere fatto “il bilancio del valore” di una comunità sono sempre tre: a) knowledge; b) Business; c) Social

      Facciamo un esempio sul fronte knowledge partendo da una esperienza concreta:

      Cosa ha ricevuto ProCivibus dalla community ?
      ProCivibus, fatte le dovute differenze, ha incluso le mappe del primo CriticalCity, la modalità di gestione di blog e twitter di pazienti.org, la descrizione dell’iniziativa (L’idea, come funziona, come si sostiene, ecc.) del primo Angeli per Viaggiatori, il layout di hubmilan, la scelta del non profit nata dalle tante riflessioni ascoltate al Kublai Camp 2010,ecc.

      Cosa ha dato ProCivibus alla community ?
      A mio avviso ha dato la sua “lesson learned”, concentrata nel servizio on-line, che può essere analizzata sul piano progettuale, tecnlogico, della comunicazione, ecc.

      Anche fermandoci qui…per noi di PC il bilancio è positivo ed è questo che ci tiene nella comunità.

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Alberto
      Alberto
      Partecipante

      Bravo Marco, che bella sintesi!

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      ecco, la lesson learned, anche se piu’ lunga di 140 caratteri, la metto di filato nella presentazione se non hai nulla in contrario :)

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Francesca
      Francesca S.
      Membro

      Credo di aver capito, grazie:)

    • Autore
      Articolo
    • mi piace!) le mie associazioni di kublai sono di una casa online, piccola e accogliente..anche il colore arancione mi da questa sensazione..

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Marco
      Marco
      Membro

      :-)

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Marco
      Marco
      Membro

      ovviamente nulla in contrario, ma per favore inseriscila facendo riferimento, non a me, ma al progetto PC (mi sembra più corretto considerando che c’è un gruppo che ha lavorato a PC)…certo mi sembra un peccato spezzare il twitter style …

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      grazie Anna, mi piace l’idea della casa. Ti includo nella presentazione :-)

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      ok marco, potrei inserire PC come case history invece che come definizione, così non interrompiamo il twittering

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Serena
      Serena Ferrara
      Partecipante

      Aggiungerei tre termini fondamentali :
      - comunicazione (…comunicazione, comunità, condivisione hanno la stessa radice linguistica!)
      - progetto
      - futuro

      Possibili frasi:
      1. comunicare per avvicinarsi, fino a collegarsi
      2. ogni progetto è uno sguardo sul futuro…più sguardi (o punti di vista) fanno una visione

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Angelita
      Angelita Levato
      Partecipante

      brava SErena,

      sono meravigliose entrambe e rendono bene esprimento pienamente la vera natura di kublai.

      un saluto caro a presto

      Angelita  

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      complimenti serena e grazie! Sei proprio ispirata!

       

      domani aggiorno la presentazione con tutti questi suggerimenti meravigliosi :-)

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Serena
      Serena Ferrara
      Partecipante

      Più che ispirazione è il risultato di un percorso di studi: la radice del verbo comunicare è la prima cosa che mi hanno insegnato a Scienze della Comunicazione e “per avvicinarsi fino a collegarsi” è una frase di un sociologo e docente universitario (Enrico Cheli).

       

      Sul valore della progettualità…ho imparato anche un po’ da voi!

       

      Sui punti di vista che insieme offrono una visione nuova…mi sono ispirata a Picasso e al cubismo!

       

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Walter
      Walter Giacovelli
      Partecipante

      Un bambino può raccontare una favola, un gioco, una storia 100 e più volte e non annoiarsi mai, ma trovare sempre stupore e meraviglia in quello che racconta. 

      Non sono le slide, è essere quel bambino….

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      Walter, la noia era una metafora… per dire che avevo voglia di raccontare Kublai in un modo nuovo, perché dal modo vecchio, non venivano fuori le emozioni che hai letto in queste tre pagine di commenti.

      :-)

      e per me le emozioni contano

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Walter
      Walter Giacovelli
      Partecipante

      Bene è fondamentale  capire cosa vuole quel “bambino”, e forse il tipo di relazioni calde ed empatiche, che certamente si sono istaurate in second life, che crea relazioni calde e di lungo periodo rispetto a quelle funzionali a settare feedback su alcune fasi di pre incubazione dei progetti  mediante  forum.

       

      In pratica le presentazioni e interazioni in second life sono (cum grano salis) sono l’equivalente dell’emotività che proviamo a cercare, ed è la “merce” più importante in natura sicuramente.

       

      Quello che è successo infatti per scarse 2 ore qui, probabilmente molti progettisti se lo porteranno dietro a lungo, io personalmente tutta una vita, ed in ogni caso quelle due ore in second life hanno creato relazioni molto forti, in virtù delle quali ci sentiamo, ci incontriamo di persona come possiamo, ci confrontiamo, sta a noi ora tradurle e materializzarle in valore progettuale; ma certamente il valore esperienziale ed emozionale di esperienze come quella è stato ed è impagabile! 

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      Anche una nuova associazione di idee è creatività. A prescindere da dove tu abbia preso ispirazione, grazie per averla condivisa qui con noi!

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Antonio
      Antonio Scarpati
      Partecipante

      Caro Nicola,

      ti riporto un passaggio del commento sul futuro di Kublai

      “Kublai è la casa dove la creatività ha la possibilità di parlare con la razionalità, professionalità e l’esperienza”.

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Pico
      Pico
      Partecipante

      Riguardando la presentazione e i successivi contributi mi sembra che manchi un termine che, dal mio punto di vista, è fondamentale nella mia visione di Kublai: diffusa

      Kublai è un’aggregazione di persone diffusa che non ha luogo ed è ovunque, che annulla le distanze e pone in relazione tra di loro intelligenze sparse ovunque nel Paese

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      pragmatica ed efficace, grazie Nino

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Pico
      Pico
      Partecipante

      piccola revisione:

      Kublai è aggregazione diffusa di persone che non ha luogo ed è ovunque, che annulla distanze e pone in relazione tra loro intelligenze sparse ovunque nel Paese

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      Luca, bella espressione, ma un po’ troppo lunga… cerchiamo di stare nei 140 caratteri (twitter like)

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Nicola
      Nicola Salvi
      Membro

      Aggiornata, adesso siamo alla versione 2.0. Grazie al contributo di tutti!

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Luca
      Luca Massimo Ferrabue
      Partecipante

      Grazie a te Nicola per questo, ed altri lavori, veramente speciali.

       

      Buona Giornata

       

      LMF

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Marco
      Marco
      Membro

      Senti Nicola…a me così sembra davvero partecipata e bellissima!

    • Autore
      Articolo
    • Avatar di Francesca
      Francesca S.
      Membro

      La cosa bella di questa presentazione è sapere che non è un insieme di slogan pubblicitari, ma di principi realmente sentiti.

    • Autore
      Articolo
    • mi associo a questo commento. 

      Complimenti per la presentazione e per gli spunti che contiene, chedo che sarebbe utile a tutti,  anche nella quotidianità, dare uno sguardo a queste brevi frasi, per ricordarci dove vogliamo andare e con quale spirito.

      Nicola, Grazie mille per tutto il lavoro che fai.

       

    Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.